Hub Coronavirus, 50 posti su due piani

Milano (gnewsonline - Marco Belli), 9 maggio 2020

A San Vittore e Bollate due reparti per i detenuti positivi della regione

Cinquanta posti su due piani, più altre 7 camere per detenuti addetti al lavoro nel reparto; un medico, due infettivologi, cinque medici di guardia e dieci infermieri che assicurano la copertura sanitaria 24 ore su 24, un operatore socio-sanitario. E poi un ispettore e venti agenti di Polizia Penitenziaria, appositamente formati, dedicati al reparto.
Sono i numeri dell'Hub di San Vittore, reparto attrezzato per la cura del 'Covid-19' creato dall'Amministrazione Penitenziaria presso l'istituto milanese grazie all'Azienda Socio Sanitaria Territoriale Santi Paolo e Carlo e in collaborazione con la Regione Lombardia. A supporto dell'Hub di San Vittore, è stato inoltre creato un reparto per i casi più leggeri, per gli asintomatici e i convalescenti presso l'Istituto penitenziario di Bollate.
I due reparti sono destinati ad accogliere i detenuti positivi al 'Covid-19' provenienti dagli Istituti penitenziari della Lombardia. L'obiettivo dell'Amministrazione penitenziaria è stato quello di concentrare il rischio infettivo in poche aree particolarmente attrezzate e dotate di apparecchiature che consentono la diagnosi e la cura delle infezioni da Coronavirus di lieve e media gravità.
Personale medico e infermieristico, oltre ad operatori di Polizia penitenziaria specificatamente formati, possono così assistere complessivamente nei due carceri fino a ottanta detenuti positivi.
Sei i guariti fin qui registrati: tre negli ultimi giorni, più un quarto guarito diverso tempo fa e che fu il primo detenuto gestito nel reparto e un altro guarito in ospedale e rientrato in carcere; un sesto detenuto si trova tuttora in ospedale. A oggi sono 45 i detenuti positivi al 'Covid-19' in cura presso i due reparti di San Vittore e Bollate.
 

Aggiornato il: 10/06/2020