Giovanni, l'artista del disagio

Milano (milanopavia.news - Giovanni Migone De Amicis), 18 febbraio 2021

Aiuta gli ex detenuti a integrarsi

Lo dice senza mezze parole: "Sono caduto e rialzarmi è stato difficile, ma se hai forza di volontà, allora è possibile; certo, un sostegno esterno può sempre aiutare".
Giovanni Marelli ha 70 anni e tra il 1990 e il 2011 ha passato 21 anni nelle carceri italiane; oggi, con l'associazione 'Cisonoanchio Aps', aiuta chi - come lui - è uscito dal carcere e fatica a ricomporre la propria vita.
Negli anni 1980 - da guru della ristorazione - ha aperto locali in giro per il mondo: anche a Milano, come la 'Champagneria' di via Clerici, dove ha servito personalità del calibro di Henry Kissinger e Frank Sinatra.
L'inchiesta di 'Mani pulite' gli ha tolto oltre 20 anni di libertà, ma in carcere ha trovato nuove prospettive e una nuova curiosità: diventare l'artista del disagio - come si definisce lui stesso - e attraverso la pittura e la poesia aiuta chi ha più bisogno; ma non solo, perché alla Barona (dove ha sede l'associazione) sono tante le attività con cui dà impiego a ex detenuti e a persone disagiate.
L'ultima iniziativa, in rampa di lancio per inizio marzo 2021 è: il 'Pollo volante', un servizio di cucina e consegna di pollo allo spiedo e patatine fritte o arrosto, un delivery per tutto il quartiere della zona 6 di Milano, un progetto che potrebbe essere solo l'inizio: l'obiettivo, infatti, è quello di portare una cucina in ogni Municipio della città, impiegando un centinaio di persone.

Aggiornato il: 18/02/2021