Parco della Lambretta ex Parco dell'Acqua

Informazioni 

Municipio: 3
Indirizzo: via Pitteri, via Rubattino
Ingresso libero
Come arrivare: M1 Rovereto | bus 56
Superficie: 110.000 mq
Anno di realizzazione: 2004
Progettisti: Guido Ferrara Associati, Studio Land

Cosa fare al parco

  • 6 aree giochi
  • passeggiare
  • sosta e relax
  • correre e andare in bicicletta lungo i percorsi
  • 2 aree cani

Il parco in breve

Situato ad est della città dove un tempo sorgeva la fabbrica dell’Innocenti-Maserati, il parco della Lambretta  è un luogo che permette di correre e andare in bicicletta, giocare con i bambini in aree dedicate oppure portare a spasso il proprio cane. Meritevole di attenzione è la fontana artistica opera dell’architetto Caccia Dominoni.

Nel parco é presente il Comitato P.R.U. Rubattino e é periodicamente controllato dalle GEV, le Guardie Ecologiche Volontarie.

Storia

Il parco – chiamato anche Parco Maserati – parte prevalente di un Piano di Riqualificazione Urbana (P.R.U. Rubattino), interessa una vasta area a est di Milano che era stata sede del complesso produttivo Innocenti-Maserati, dismesso definitivamente nel 1993.

Nel 1997 il Comune di Milano ha indetto un concorso di idee per riqualificare tali aree dismesse e dal concorso sono emerse le linee guida, il “primo mattone” della vera e propria progettazione del parco.

Nel luglio 2004 è stata ultimata la prima parte del parco, caratterizzato dalla presenza di un’area a verde residenziale e di una destinata a vero e proprio parco pubblico che ha come elemento peculiare un laghetto artificiale, posizionato sotto la tangenziale. Oltre al laghetto, nel Parco dell’Acqua si trovano grandi estensioni a prato (56.000 m2), alberature isolate, filari arborei, grandi zone arbustive, fasce di mitigazione, rilevati, aree a tappezzanti e aree attrezzate per il gioco dei bambini.

Un boulevard verde, il “viale dei platani”, arricchito da aree gioco per bambini, porta a via Pitteri creando connessione con le residenze. Si tratta della prima fase del progetto che nel complesso prevede una superficie a verde di circa 320.000 mq.

Beni architettonici e manufatti

Nella grande piazza si trova la pregevole fontana artistica progettata dall’Arch. Luigi Caccia Dominioni.

Principali specie arboree

  • robinia (Robinia pseudoacacia ‘Umbraculifera’)
  • acero campestre (Acer campestre)
  • carpino bianco (Carpinus betulus)
  • frassino maggiore (Fraxinus excelsior)
  • ontano napoletano (Alnus cordata)
  • ontano nero (Alnus glutinosa)
  • orniello (Fraxinus ornus)
  • platano comune (Platanus x acerifolia)
  • pioppo cipressino (Populus nigra ‘Italica’)
  • quercia (Quercus palustris)
  • salice bianco (Salix alba)
  • sofora (Sophora japonica)
  • sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia)

Sono presenti due fasce boschive, una di giovani querce, carpini e olmi e l'altra di frassini, ontani, sorbi e salici.

Acqua e dintorni

Uno degli elementi caratterizzanti il parco è il laghetto, di 9.000 mq costruito sotto il ponte della tangenziale, uno spazio di grande suggestione architettonica.

Aggiornato il: 26/07/2022